15 Ottobre 2021
Tel: 0331 842371 - Fax: 0331 810568 - info@isissgeymonat.edu.it

Contrasto al Bullismo e Cyberbullismo

Un percorso di formazione e sensibilizzazione per prevenire fenomeni di bullismo anche in rete


Destinatari

Tutti gli studenti dell’Istituto e in particolare gli studenti del biennio; genitori e personale scolastico

Obiettivi:

Prevenire e contrastare il fenomeno del Bullismo e del Cyberbullismo

Finalità didattico-educative

- Favorire la maturazione della consapevolezza in ciascun alunno sugli atteggiamenti da perseguire con i compagni all’interno dell’istituto e fuori e sulle conseguenze che potrebbero derivare da comportamenti caratterizzati da sopraffazione e mancanza di rispetto.
- Formare gli studenti sulla conoscenza e l’uso delle nuove tecnologie e illustrarne i rischi.
- Fornire agli studenti gli strumenti di autotutela offerti da enti locali, associazioni, polizia locale e Questura.
- Fornire ai docenti gli strumenti per individuare precocemente eventuali fenomeni di Bullismo e Cyberbullismo presenti nelle proprie classi.

Generalmente con il termine bullismo ci si riferisce ad una specifica categoria di comportamenti aggressivi,
caratterizzati da ripetizione e da un definito squilibrio di potere.
Questi comportamenti si ripetono nel tempo, la vittima viene presa di mira più volte e non è in grado di difendersi, in quanto si trova in una situazione di minoranza numerica, o è più piccola e meno forte fisicamente dell’aggressore, o più debole a livello psicologico.
Esistono diverse azioni che possono essere raggruppate sotto la denominazione “bullismo” e principalmente sono:
- azioni fisiche di prevaricazione: esse possono andare da episodi di aggressione lieve, all’appropriazione o danneggiamento di oggetti altrui, fino alle forme più gravi di violenza fisica;
- comportamenti verbali di prevaricazione: minacce,  insulti, prese in giro che possono riguardare aspetti della personalità, caratteristiche fisiche... ;
- comportamenti indiretti di prevaricazione, che costituiscono la modalità più subdola di bullismo: pettegolezzo, calunnia,  con l'obiettivo di isolare ed escludere dal gruppo i destinatari.

Descrizione del Fenomeno

La realtà del bullismo è, da tempo, ampiamente diffusa nella scuola, anche se spesso sottovalutata o sottaciuta. Sono diverse e numerose le evidenze che sostengono l’importanza di intervenire con urgenza, per migliorare il clima relazionale all’interno delle istituzioni scolastiche, elemento che presenta il presupposto ineludibile di ogni azione educativa.

La rapida diffusione delle tecnologie ha determinato, inoltre, accanto al bullismo, il fenomeno del cyberbullismo, ossia quella forma di bullismo che viene esercitata attraverso i mezzi tecnologici e in particolare i social come e-mail, facebook, twitter, instagram e whatsapp. Si tratta di forme di aggressione e molestie, spesso accompagnate dall’anonimato e dal fatto che la distanza del persecutore rispetto alla vittima rende più difficile la percezione della sua sofferenza. Il mondo digitale e virtuale nasconde una serie di insidie e pericoli su cui è indispensabile misurarsi, attivando sinergie tra le istituzioni e le famiglie con l’obiettivo di accrescere il senso della legalità, visto il dilagare di casi di cronaca da cui traspare un’emergenza talvolta sottovalutata.

Il bullismo e il cyberbullismo vanno inquadrati all’interno delle prospettive sociologiche e psicologiche che contraddistinguono la realtà degli adolescenti dei nostri giorni. Essi sono soggetti che, secondo gli studiosi, presentano nello stesso tempo le caratteristiche dei prepotenti e delle vittime

La scuola, luogo principale di formazione, inclusione ed accoglienza, si impegna sul fronte della prevenzione del bullismo, e, più in generale di ogni forma di violenza e intende attivare strategie di intervento utili ad arginare comportamenti a rischio determinati, in molti casi, da condizioni di disagio sociale non ascrivibili solo al contesto educativo scolastico

Le iniziative dell'Istituto

Il nostro istituto, in ottemperanza alla L. 71 del 2017 dal titolo “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”, ha attivato diverse misure necessarie a contrastare tale fenomeno:
- coinvolgendo  nella prevenzione e contrasto al fenomeno del cyberbullismo, tutte le componenti della comunità scolastica, particolarmente quelle che operano nell'area dell'informatica, partendo dall'utilizzo sicuro di Internet a scuola;
- prevedendo, all’interno del PTOF corsi di aggiornamenti e formazione in materia di prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, rivolti a tutto il personale e azioni culturali ed educative rivolte agli studenti, affinché acquisiscano le competenze necessarie all’esercizio di una cittadinanza digitale consapevole.
- favorendo la discussione all'interno della scuola, attraverso i vari organi collegiali;
- creando i presupposti di regole condivise di comportamento per il contrasto e prevenzione dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo;
- nominando la figura del referente d’istituto che ha il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo, anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia e delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio.

Sono stati realizzati negli ultimi due anni incontri di formazione per docenti e genitori all’interno dei locali della scuola. Durante tali incontri è stato possibile incontrare esperti sulla tematica del cyberbullismo che hanno offerto letture del fenomeno da diversi punti di vista (diritto, medicina, educazione).